giovedì 8 dicembre 2016
| Login
Home
offerte a cappello on-line

 



Il denaro raccolto viene impiegato dall'attore per vivere nei giorni in cui recita su strada, nonché per acquistare materiali per la scena e il carburante necessario per gli spostamenti presso i Comuni in cui avverranno le future stanzialità. Durante l'offerta c'è la possibilità di scrivere un commento e/o il proprio indirizzo e-mail per essere informati sullo sviluppo del progetto.
L'attore ringrazia

 

Realizzazione
Marco Gobetti

Consulenza artistica e supporto organizzativo
Anna Delfina Arcostanzo

Indirizzi correlati
 

Qui TEATRO STABILE DI STRADA® fino a settembre 2011.

TEATRO STABILE DI STRADA® da ottobre 2011 in poi è su: http://twitter.com/stabiledistrada

e http://teatrostabiledistrada.blogspot.com

 

TEATRO STABILE DI STRADA® è atto politico ed artistico che consiste nella circuitazione su strada, autonoma organizzata e frazionatamente stanziale, dei medesimi spettacoli proposti dall'attore Marco Gobetti nel sistema teatrale esistente; o di pubbliche azioni e testi interpretati che potranno poi svilupparsi ed accadere all'interno del sistema.




TEATRO STABILE DI STRADA® avviene ogni qual volta l’attore replica uno spettacolo in strada e a cappello nei modi seguenti:
-         nello stesso luogo
-         alla stessa ora
-         per più di due giorni consecutivi
Ogni spostamento e ricostituzione di TEATRO STABILE DI STRADA® sono segnalate per via telematica (internet e e-mail) al potenziale pubblico e agli organi di informazione.

Si intende in questo modo contaminare il sistema teatrale. All’offerta commerciale dei propri spettacoli presso i circuiti esistenti (con la propria Compagnia e non solo), l'attore affianca la replica auto-gestita dei medesimi spettacoli per la strada, secondo il principio della stanzialità frazionata.

Durante le stanzialità, l’attore di TEATRO STABILE DI STRADA®  vive dei soldi ricavati a cappello e dell’eventuale ospitalità da parte del Comune in cui va a fare spettacolo. Per esistere TEATRO STABILE DI STRADA® chiede quindi ai Comuni un aiuto essenziale, nello spirito di un mecenatismo illuminato, non sperperante e dedicato a un teatro che risponda innanzitutto al bisogno forte degli uomini che lo fanno (attori e pubblico).   In mancanza di ospitalità (vitto e alloggio o solo alloggio) da parte del Comune, l’attore replicherà lo spettacolo per i giorni di sopravvivenza: cioè per tanti giorni quanti riuscirà a mantenersi con i soldi ricavati a cappello nella stanzialità in atto o residui della stanzialità precedente. Prima di superare detto limite, si sposterà. (continua...) dal Manifesto di TEATRO STABILE DI STRADA®



 
(...) Urge compiere atti politici, nel senso più antico e nobile del termine, quello che non rinnega “pòlis” come etimo e che ha tanta parentela con il termine “comunicazione”.

“…Il sociale è il rapporto vivo, bidirezionale scena-platea e viceversa.
Quindi: avveni
mento, imprevisto, improvvisazione, continua evoluzione dello spettacolo.
Non soltanto rappresentazione: favola, modo di essere…” “Essere ascoltati: una conquista, non un presupposto, tanto meno un diritto”, scriveva ancora Gian Renzo Morteo.

Occorre davvero iniziare a fare teatro ovunque, recuperando il gusto dell’avventura. Mettersi a nudo e in difficoltà, miscelando con attenzione coraggio, sana incoscienza ed umiltà. Occorre cercare disordini intelligenti e serpeggianti. Occorre che ciascuno di noi plasmi il suo teatro – non solamente, ma anche – in funzione della politica contaminante che sceglie di attuare nei confronti del sistema teatrale, dal quale, così facendo, sarà indispensabile non estraniarsi.

 

Non basta più solo plasmare contenuti e linguaggi, servono azioni concrete: in luoghi precisi. “Chi va fabbrica il Dove” , mi scrisse una spettatrice sul quaderno che lascio a disposizione del pubblico durante le repliche del mio Teatro stabile di strada®. Quella persona ha capito tutto: basta andare. Trovato il dove, saranno proprio i contenuti e i linguaggi che tanto più ci permetteranno il “come”, quanto più saranno elastici e disposti ad “avvenimento, imprevisto, improvvisazione, continua evoluzione dello spettacolo”.

Durante le stanzialità parlo molto con gli spettatori, perché finita ogni replica preparo un caffè in una grande moka e lo offro insieme a dei biscottini. Tutto ciò fa parte dell’atto politico. E’ politico sedersi per la strada con gli spettatori a bere un caffè. E’ politico da parte degli spettatori lasciare non solo commenti, ma anche indirizzi e-mail per essere informati sulle future stanzialità e sulla mia attività teatrale. E’ politico da parte mia lasciare le cartoline informative con il manifesto del progetto e il mio indirizzo e-mail. E’ politico e sommamente contaminante che chi ho conosciuto come spettatore per la strada, informato via e-mail, sia poi venuto a vedere un mio spettacolo in teatro in compagnia di amici; o che gruppi di persone sia dopo repliche in teatro che per strada, a fine spettacolo mi abbiano avvicinato dicendo che li aveva mandati il tale che mi aveva visto durante una replica in strada. E’ politico e vitale che con alcuni spettatori sia nata una vera e propria corrispondenza via e-mail o che altri spettatori abbiano scritto del progetto sui propri blog personali, diffondendolo sul web.

Con il mio nuovo pubblico ho scoperto l’ennesima pentolata di utile acqua calda: lo spettacolo dal vivo siamo noi. Noi uomini e donne, ogni volta che ritroviamo libertà, sfruttando una qualunque possibilità di sognare e pensare, comunicando. Noi cittadini, non importa se attori, musicisti, danzatori, mimi, registi o spettatori. Noi abitanti della pòlis, non schiavizzati da alcun sistema. (...) Marco Gobetti, da "I cittadini e il teatro"

 

 

 

 

 

 

 

 


Per il TEATRO STABILE DI STRADA® la Regione Piemonte nel 2007 ha assegnato a Marco Gobetti il Premio per la valorizzazione delle espressioni artistiche di strada, con la seguente motivazione:

“Marco Gobetti è il Teatro Stabile di Strada, un ossimoro, ovvero una contraddizione che pretende di contagiare forme e modi dell'agire teatrale. Propone le sue storie: atti unici che cercano spettatori pronti a seguirlo per un'ora di massacrante lavoro d'attore. Non è un narratore perché rappresenta. Alterna dolcezza a violenza per ottenere ascolto dai passanti sempre frettolosi. Cerca di creare legami tra i coraggiosi che si trattengono anche al termine dello spettacolo e per questo offre biscotti, caffè, un quaderno su cui scrivere ciò che si vuole -anche solo l'indirizzo di posta elettronica-. Crea così una "rete" per scambi di conoscenza che si sviluppa di là dall'ora del suo spettacolo. Ë autonomo: trasporta tutto l'occorrente su un carrettino. Le luci di scena sono lampade a gas da campeggio. Di fronte allo spazio scenico c'è in terra un cappello per le offerte. Chiede ai comuni che intendono ospitarlo, vitto e alloggio. Un "mecenatismo illuminato” che, - quando viene a mancare-, il Teatro Stabile di Strada supplisce con i ricavi delle stanzialità precedenti. Risulta chiaro da questi elementi il principio sotteso al suo teatro: farsi ascoltare non è un diritto, è una conquista. L'esperimento è coraggioso. Il premio è un invito a continuare con sempre maggiore intensità”.

Home  |  Manifesto  |  Rassegna stampa  |  Commenti del pubblico  |  Le stanzialità  |  Spettacoli

Copyright (c) 2000-2006
DotNetNuke® is copyright 2002-2016 by DotNetNuke Corporation